Incontrare se stessi: il cambiamento che passa attraverso l’accettazione.

In ogni osservazione si trovano simultaneamente l’osservatore, la cosa osservata e l’atto di osservare. Tra percepire un oggetto e nominarlo, vi è uno spazio in cui la persona si introduce giudica se questo è gradevole o sgradevole. Se questo è gradevole, essa si identifica con esso se questo è sgradevole esso lo respinge e fugge. Allora là non è più possibile l’osservazione. Invece, in una osservazione in cui non vi è alcuna inferenza da parte di un giudizio, vi è fusione tra l’osservatore e la cosa osservata, e là ci troviamo sulla porta dell’essere.

La pratica è un mezzo di conoscenza, quando siamo consapevoli del modo in cui funzionano, ci rendiamo conto di oscillare continuamente dal presente al passato e dal passato al futuro. Questi movimenticaotici sono basati sul pensiero e sulla memoria: si verifica la proiezione di un’identità personale con un io al centro che cresce e fiorisce. Quando noi pensiamo, progettiamo sia il passato che il futuro. Senza passato, non vi è futuro. Ieri e domani sono immaginazione, ma la vita è soltanto adesso. Il momento presente è senza pensiero, è pieno di energia, di gioia e di amore. L’osservatore e la cosa osservata si fondono.

Noi siamo talvolta consapevoli di questo movimento di va e vieni, da questo provengono la noia e l’insicurezza. Dovremmo diventati consapevoli, accettarlo come un fatto e non fuggirlo: allora questa sensazione, osservata e accettata, subisce una trasformazione che rivela la gioia di vivere. Il momento contiene tutte l’eternità, senza pensiero né paura. L’esistenza, che è soltanto pensiero, si dissolve nella pienezza. Là si trova il segreto della vita, aperto a tutti, in cui tutto è compreso.

L’identificazione è prendersi per ciò che non siamo, e di conseguenza smettere di essere ciò che si è. Se il nostro mentale è tormentato, accetto la situazione senza volere scappare. L’accettazione ci conduce alla comprensione. La realizzazione in uno spazio-tempo in quel momento è semplice. Accettare un fatto ci conduce al di là dell’io, alla trasformazione del pensiero attraverso la fiamma dell’amore. Allora si svolge il gioco divino. il sé trascende il cambiamento, incluse nascita e morte. Il cambiamento è la caratteristica dell’esistenza. Noi siamo coscienti della nostra esistenza, di conseguenza la trascendiamo.

La meditazione ha come fine di partire alla ricerca di colui che medita. Così, l’osservatore diventa osservazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...