L’ascolto dell’energia del corpo

Questo approccio è basato sulla Tradizionale arte dell’ascolto. Noi non conosciamo il nostro corpo reale. A causa di tutte le tensioni accumulate e viventi nella nostra testa, in un mondo di concetti e idee, anche il corpo è diventato un’idea, piuttosto che qualche cosa che vive, o qualche cosa che sente.

 La sua energia sotterranea  è paralizzata nelle tensioni neuro muscolari.

 Solo in un ascolto senza anticipazioni, o scelta, può iniziare a manifestarsi quest’energia originale.

 In questo ascoltare, lasciando emergere le sensazioni del corpo, non siamo più complici delle reazioni. Inizialmente sentiremo questa energia in particolari zone del corpo, in seguito arriveremo a percepire il corpo come una massa energetica unica, in una sensazione globale.

 Sentire questa energia  è il fattore di reale salute del corpo.

 Al posto del vecchio schema di pesantezza, resistenza, densità,  scopriamo un corpo che ” sembra luce”, trasparente espanso nello spazio, ci sentiamo senza centro, senza confini, Uno con lo spazio.

 Questa esperienza di apertura, di espansione, ci libera dal nostro mondo ego – centrico, e ci lascia aperti a dimensioni più profonde. Diversamente il corpo è per la maggior parte un meccanismo di difesa dell’ego. Se noi approcciamo le “posture” senza prima liberare l’energia del corpo, rinforziamo soltanto i vecchi schemi; la nostra pratica è senza significato.

– Le Posture –

 Quando facciamo un asana yoga, dovremo vivere momento per momento nella sensazione, essere uno con il sentire, senza intenzione, o meta, che può venire solamente dalla mente, dall’ego.

 La postura permette una distensione organica, non comprende il dominio del corpo e la violenza, come troppo spesso accade.

 I muscoli, l’intera struttura lavorano in un modo totalmente differente. C’è un integrazione totale. Non c’è ripetizione.

 Ogni volta che  facciamo la posizione è nuova, è ora.

 Spesso faremo le posture solamente “energetiche”, senza muovere il nostro corpo fisico. Questo ci aiuta a liberare noi stessi dagli schemi fissi e dai legami.

 Ogni posizione stimola particolari zone del corpo ma l’effetto reale, la riorchestrazione dell’energia, accade dopo la postura, nella nostra immobilità, tranquillità, nel silenzio.

– La Meditazione –

 Quando la posizione è realmente compresa diventa meditazione.

 Qui non viene più enfatizzato l’oggetto corpo, ma la nostra consapevolezza, presenza.

 C’è un dato “momento” in cui la Asana è completamente integrata nella nostra consapevolezza e viene riassorbita nel silenzio.

 In questa meditazione non c’è uno che medita e niente su cui meditare.

 Non c’è concentrazione ma Consapevolezza senza scelta.

– La Respirazione –

 Così come modo il nostro corpo è diventato limitato, così anche il nostro respiro a causa di paure, di tensioni, è profondamente reattivo, bloccato. La tendenza è quasi sempre quella di “catturare” l’inspirazione e di “spingere” fuori l’inspirazione, operando una continua manipolazione di tipo psichico sul respiro.

 Invece in questo tipo di pratica impariamo ad ascoltarlo, a sentirlo in differenti parti del corpo e in una sensazione globale.

 Diamo l’opportunità al respiro di diventare spontaneo come nella nostra infanzia.

 Il respiro, il prana lo usiamo in alcune tecniche Yoga per calmare la mente, stimolare e dirigere l’energia del corpo, e ad un livello più “spirituale”, più profondo, enfatizzando lo spazio tra due respiri,  il “fondo di tutti i respiri”, si arriva a percepire la nostra reale natura.

– Liberare i sensi –

 Un importante aspetto dell’insegnamento è il profondo rilassamento dei sensi: pelle, bocca, narici, orecchie, occhi, cervello. Inconsciamente i sensi sono abituati ad afferrare, catturare, ciò significa che sono contratti e tesi.

 Attraverso l’uso della visualizzazione e dell’ascolto, permettiamo alla sensazione di schiudersi, di giungere ad un’apertura e al rilassamento.

 Gli oggetti sono liberi dalla presa sensoriale, impariamo a vivere sempre più con la pura percezione, senza l’interferenza mentale.

 Quando i sensi sono realmente liberi, tutto il corpo partecipa alla visione, all’ascolto…. ecc

– Trasportare l’insegnamento –

 E’ importante che il vantaggio compreso attraverso la pratica venga trasportato a tutti gli altri aspetti della vita.

 Quando non siamo più identificati con nessuna immagine, con nessun oggetto noi non siamo più limitati psicologicamente a una situazione, noi viviamo nella nostra integrità, agiamo dalla nostra integrità. Solo allora siamo veramente funzionali.

 Quando manteniamo l’energia del corpo, ci sentiamo aperti e espansi; paura e tensione non hanno opportunità di prenderci.

Solo nella nostra assenza noi siamo sinceramente presenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...