L’urgenza di praticare

Dopo anni di pratica qualcosa accade. L'urgenza di praticare. Si porta la pratica al di là del tappetino. La pratica diventa la vita quotidiana. Quel passaggio della pratica da una fase sperimentale, di esitazioni, fermate e riprese, a una fase in cui essa diventa necessità vitale, fino ad assumere un carattere prioritario. Questa particolare urgenza … Leggi tutto L’urgenza di praticare

appunti di Novembre

"yoga chitta vritti nirodha" - lo yoga è la sospensione della dispersione mentale Sospendere significa creare spazio. Uno spazio creativo, uno spazio silenzioso. Una pausa yra un inspiro ed un espiro, tra un espiro ed un inspiro. Tra un pensiero e un altro. Tra un emozione e un altra. Tra una reazione ed un altra. … Leggi tutto appunti di Novembre

la meditazione come consapevolezza

Accogliere qualsiasi esperienza senza aggiungere e senza togliere niente, in pieno corpo. Essere corpo. La pratica della meditazione di consapevolezza riallaccia il legame con il corpo, si ricomincia a sentire, a trovare quel sentire nascosto dietro irrequietezza mentale. Attraverso il respiro. La ripetuta attenzione al respiro, alle sensazioni, alle emozioni e ai pensieri che ci … Leggi tutto la meditazione come consapevolezza

Settembre: verso il raccoglimento interiore

Pratica di questo mese. La direzione nella pratica. Vinyasa Krama = a piccoli passi ma nella stessa direzione. Quale è la direzione? Verso l'interno e la non dispersione. Asana il corpo + Pranayama il respiro Corpo e respiro sono in due mezzi che ci riportano al momento presente. Qui ora. Prendo consapevolezza del corpo e … Leggi tutto Settembre: verso il raccoglimento interiore

La depurazione stagionale

La depurazione era già nota al medico Ippocrate (Kos, circa 460 a.C. – Làrissa, circa 370 a.C.) che aveva scritto nei suoi testi che bisognava favorirel’evacuazione degli umori attraverso “il luogo a cui essi tendono a dirigersi”quindi ad esempio in caso di ritenzione idrica favorire l’eliminazionetramite le vie urinarie, oppure in caso di accumulo di bileattraverso la via dell’intestino, … Leggi tutto La depurazione stagionale

Preparare le difese immunitarie al cambio di stagione

Settembre è arrivato e come ogni anno segna un momento di passaggio dalla stagione estiva alla stagione autunnale. La variazione di temperatura, la diminuzione della luce, i primi freddi hanno a conseguenze importanti sul corpo e sulla mente che sembrano voler rallentare il nostro ritmo per prepararsi alla quiete dell’inverno.Ora più che mai è necessario … Leggi tutto Preparare le difese immunitarie al cambio di stagione

Komyo ReikiDo MAGAZINE PROGETTO REIKIARTE

Articolo scritto sul suo progetto pilota ideato da Eduardo Herrera su Reiki e arte. Mi chiamo Eduardo e sono nato a Buenos Aires, maestro di scuola primaria in Argentina, mi sono laureato in Scultura ed arti visive presso l’accademia di Belle Arti di Roma con specializzazione in ceramica artistica presso il Ballardini di Faenza. Mi … Leggi tutto Komyo ReikiDo MAGAZINE PROGETTO REIKIARTE

Kapalabhati pranayama

Kapalabhati è una delle molteplici tecniche che lo yoga ci mette a disposizione e che serve per generare energia nel corpo e per aumentare il livello di concentrazione. E’ una tecnica molto antica che si trova negli antichi testi storici dell’Hatha Yoga come Yoga Pradipica. In sanscrito kapala, significa cranio e bhati significa lumonosità, o “cranio lucente”. Non è un pranayama, ma … Leggi tutto Kapalabhati pranayama

Incontrare se stessi: il cambiamento che passa attraverso l’accettazione.

In ogni osservazione si trovano simultaneamente l'osservatore, la cosa osservata e l'atto di osservare. Tra percepire un oggetto e nominarlo, vi è uno spazio in cui la persona si introduce giudica se questo è gradevole o sgradevole. Se questo è gradevole, essa si identifica con esso se questo è sgradevole esso lo respinge e fugge. … Leggi tutto Incontrare se stessi: il cambiamento che passa attraverso l’accettazione.

Tra yoga e meditazione: principi di pratica

Lo yoga non è piegarsi in due o diventare più buoni, ma un mezzo, un supporto stabile per l'osservazione e la conoscenza di sé, della propria realtà esistenziale, ma non per doverla cambiare, ma per osservarla così com'è. Solo quello che è può essere trasformato e non quello che vorremmo che fosse. Per questo il … Leggi tutto Tra yoga e meditazione: principi di pratica